Ed ecco a voi VELVET il ritorno

foto_logo_velvet

Sono le 6 del mattino e qualche manciata di attimi in più, ho appena  finito di grattare con avidità lo zucchero rimasto nel fondo della mia prima tazzina di caffè, mi isso di fronte al fidato portatile, e incallito astinente da sit sono già sul punto di immergermi nel secondo episodio della soap spagnola che sta facendo impazzire gli italiani, boh… sarà, ma sicuramente oramai è la mia preferita perchè sono riuscito ad andare oltre i primi dieci minuti di “….zzateeeee” e non mi rendo conto più di quello che scrivo.

Ai blocchi hop, hop … ed ecco di nuovo l’immutabile portale della Rai, ma stavolta non mi freghi, digito subito la parolina nell’apposita finestrella e s’apre come per incanto una sfilza di contenuti senza un ordine preciso, niente da fare, il caos impera, io la spunto, trovo il video ed è start!!!!

Ma che siglona ragazzi, l’ansia da prestazione della prima volta è passata, me la vedo, ferri da stiro che vanno su e giù da soli, forbici che attraversano spazi inesplorati, manichini che s’animano e girano su loro stessi, luci che splendono e risplendono,  e non è non un film della Disney, né una puntata delle Winks, mie fantastiche casalinghe/inghi irriducibili come me, è ovviamente: VELVET il ritorno.

E quindi che la sfida abbia inzio!

Prima scena, un urlo, si fermi si fermi, all’ospedale, Albertoman, l’unico ficaccione di tutto il serial (mai come Ridge perché di Ridge ce ne sarà sempre uno solo e cosi sia) con una vistosa colata di sangue sul mascellone, perchè lui non si sciacqua la faccia e nessuno gliela pulisce per almeno i primi venti minuti di puntata, cerca di svegliare la bellissima Annaneve.

Cambio di scena,  la terribile WomanGloria depositaria del segreto più segretissimo, sfida il superzietto Emilio a tacere, e c’è scontro alla Rocky, ma eccolo correre da Annaneve ancora dormiente mentre l’emotraccia su Albertoman è ancora lì! Annaneve si sveglia, senza nemmeno un rantolo, dolcemente come in una pubblicità da inzupposi del primo mattino, mentre Albertoman, che ancora non s’è lavato, corre dal defunto padre, oh…. che sbadato se n’era dimenticato, ma dico io, e poi finalmente ben deterso, ripulito e pettinato, ai funerali, e lentamente s’apre una delicata musichetta da fiaba con canto aspirato, ma che c’entraaaaaaa!? Boh… lei Annaneve, riavutasi ad una velocità supersonica, dopo lunga chiacchierata al telefono con filo chilometrico che viene chissà da quale anfratto, lo raggiunge ma sviene e Albertoman la raccoglie ma a rallenty.

E poi fatti e fattarelli, feste, festicciole, consegne d’anelli con diamanti, tra quantità di candele che pare una cereria in fiamme, rocamboleschi tuffi in piscina in abito da sera con decolleté galleggiante al seguito, richieste di prestiti, baci dati riavuti, negati, testamenti letti, interrotti, andate, ritorni, possibilità di affrancamento dalla povertà quasi perduta, fritti, frittelloni, gnocchi, crocchè di riso, di patate, pesce frescooooo!!! Sì tutt’insieme, ‘na grigliatona mista, mentre il baraccone va a picco. L’ unica cosa che non sfugge nemmeno alla mia vicina, no, non l’tetraalterointubata che ancora sta urlando, ma alla megaultrastrabiondona che già dalla prima puntata sta tentando una soluzione di decolorazione simile, è l’imperturbabile, fissa, statica chioma della sorellastra, attaccata alla radice così dalla nascita, Patricia, nata Barby acidella per via del crine plastificato alla big Jim, una sorta di Mars Attacks madrilena, una  draculessa alla Coppola con cofana sgonfia, e chi più può più ne dica a ragion veduta.

Così dopo la mancata firma del patto con l’avida cattivona zia, chi salverà il cucuzzaro? Basterà il sacrificio di Annaneve che s’è data senza brillocco e con lascito epistolare, immancabile life motive della soap, o sarà forse il matrimonio con la tenerissima Cristinuccia a salvare il palazzone?

Arriverà una carica di 101 altre mila meteoriti di idee? E poi prima o poi ci sarà una scena di petting anche un po’ più spinto oltre quel goffo abbraccio stile koala in riposo letargico sul tronco d’un ramo secco? (vedesi scena del bacio nel letto del villone)

Questo lo sapremo solo stasera in VELVET the third!

– Andrea Alessio Cavarretta (scrittore metropolitano) –

Se ti interessa leggi 
VELVET the beginning
Annunci

Informazioni su andreaalessiocavarretta


One response to “Ed ecco a voi VELVET il ritorno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: