ROMA FRINGE FESTIVAL , la luce del teatro illumina il parco Adriano

inaugurazione-roma-fringe-festival-gente

L’immenso macchinario del ROMA FRINGE FESTIVAL è partito da due giorni, inaugurazione emozionante, allegra e colorata, prima serata di spettacoli decisamente belli, tanta gente sorridente e soddisfatta a gremire entusiasta le platee allestite nei giardini di Castel Sant’Angelo.

Finalmente una bella manifestazione da Capitale europea della Cultura,  un grande festival dove si respira  soprattutto arte e non quell’aria oramai viziata dall’invasione inarrestabile di bancarelle con cianfrusaglie inutili.

Le tre arene, poste in una grande ed affascinante cavea teatrale aperta verso un cielo stellato, sono ad una distanza equilibrata l’una dall’altra, e questo permette che gli spettacoli si svolgano senza problemi uditivi, e i tantissimi spettatori si possano spostare senza fastidi di sovrapposizioni caotiche.

I punti ristoro e il gli stand espositivi arricchiscono la manifestazione in modo equilibrato senza togliere spazio al Teatro, indentificandosi tutti nella parte superiore del parco come in un grande foyer pensile, così tra un applauso e l’altro, si possono salire i grandi scaloni, e fermarsi giusto un attimo per gustare un rapido simpatico snack senza che IL ROMA FRINGE FESTIVAL si trasformi in un ristorantone a cielo aperto.

Peccato la mancanza della luce in una zona del parco, ma questo è solo un inconveniente aggiustabile e poi a dirla tutta, in questa dimensione crepuscolare, gustarsi il teatro è ancora più affascinante, magari alla luce di quella candida Luna romana che finalmente strizza l’occhio soddisfatta …

(Andrea Alessio Cavarretta)


CI CADDI DENTRO

CI CADDI DENTRO

di

Andrea Alessio Cavaretta

babbà

C’era

laggiù

un babà.

Io, senza nemmeno guardarlo

ci caddi dentro.

Quel salto fu un tuffo

a testa in giù

a braccia protese

distese lontane

dai miei grandi fianchi.

Il cane ululava

il piano suonava

e giù

andavo giù

affondavo

mentre il mio corpo

s’assottigliava,

snelliva

quasi svaniva

dentro al babà.

Potresti leggere anche
CIOCCOLOTINO ROSSO

DO YOU DREAM? Presto su Radio Godot

Do you dream

Amo i sogni, ci credo, ci convivo… Così finalmente ho creato una trasmissione dedicata tutta a loro e presto su Radio Godot inizierà

DO YOU DREAM? anta, enta, enti a confronto

Saremo in tre a parlarvi di tutto il possibile onirico… il sottoscritto Andrea Alessio Cavarretta #IppoKiro insieme al mio compagno sempre, comunque ed ovunque Giovanni Palmieri #PutzoKiro e con noi avremo una fantastica rossa Claudia Cianchi #Krouge. 

… vi darò ogni dettaglio strada facendo…

stay dream…


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: