IO, SONO IL JAZZ

IO, SONO IL JAZZ

di

Andrea Alessio Cavarretta

 Il tocco

Io, sono il jazz

sono l’attimo che arriva dopo l’attesa

sono la pausa dell’infinito.

Sono il vuoto che si riempie.

Sono il tuffo in acqua ghiacciata

che poi ribolle,

quasi m’infuoco

e sotto nuvole appena esplose

sono l’andare lungo il tramonto

di scuro, d’inverno.

A passi lenti sono laggiù

e in quel bistrot senza silenzi

sono il piatto di pasta piccante

il vino che ora scivola dentro,

la torta piena di panna che ingrassa di gioia

la fetta d’anguria con mille semini.

Io, sono il jazz

e il jazz è un vibrare,

e allora sono la voce,

sono lo scroscio di tutta la pioggia

sono incolmabile, insaziabile, imprevedibile

ad occhi aperti sono quel vento proprio nel cuore

sono quel soffio

ti apro il cancello, appena socchiuso.

Ed ora che entriamo

dopo la porta

nella mia stanza

sono quel quadro

proprio davanti

dammi le mani, passale sopra, lo senti quel rosso?

Ora ti bacio

tu mi ribaci, io ti ribacio, tu mi ribaci

appena posate ti mangio le labbra

e in un boccone,

sono quel lupo che t’ha già divorata.

Io, sono il jazz

sono l’attimo che arriva dopo l’attesa…

 

- Andrea Alessio Cavarretta (scrittore metropolitano)

 

L’immagine a corredo è IL TOCCO di Rossella Maffeo

 

 
Ti potrebbe interessare
L’ISTANTE

 


GRAZIE A TUTTI VOI DEL ROMA FRINGE FESTIVAL

Roma Fringe Festival

Voglio dire grazie a tutto lo staff del Roma Fringe Festival.

Voglio dirvi grazie perchè siete un gruppo di persone che con forza e gioia portate avanti un sogno …

Voglio dirvi grazie, per quel vostro correre affannato tra un palco e l’altro, per quel vostro smontare e montare veloce, fotografare, recensire, dire e custodire un ideale, affaccendandovi così tanto per il teatro, per l’arte, per la cultura.

Voglio dirvi grazie per quel vostro iniziare prestissimo e finire tardissimo, per quei vostri sorrisi mantenuti sempre e comunque, anche se la pioggia, anche se il caldo, anche se l’umidità, anche se le folle amate e tanto benvenute, tra uno spettacolo e l’altro, si accalcano rumorose nel bersi fresche birre serali e nel camminare vocianti lungo i percorsi bancarellati di Villa Mercede, anche se le macchine che portano nel parco teatrale tantissimi amati spettatori, attori, registi, scrittori, musicisti, visitatori…  passano, inesorabilmente clacsonate, lungo le strade del quartiere San Lorenzo.

Voglio dirvi grazie, e voglio dirvelo con forza a voi tutti del Roma Fringe Festival per riuscire a tenere aperto uno spazio alle emozioni, per avvicinare l’arte della recitazione a tutti, per far sì così tanto, per far sì così immensamente che questo mondo in cui viviamo sia per tutti noi, anche attraverso il teatro, un po’ migliore …

 

… siamo i nostri sogni …

 

Andrea Alessio Cavarretta (IppoKiro)

scrittore metropolitano

Ti potrebbe interessare
365 IL TEMPO DI UN VIAGGIO, per me …

Al ROMA FRINGE FESTIVAL finalmente ZITTO

Eccoci al ROMA FRINGE FESTIVAL per ZITTOlocandinazitto

nato corto teatrale dalle menti fantasiose di Mariano RiccioGiovanni Giudice, già finalista al Premio Millelire,
riadattato circa il testo dal sottoscritto, nelle mani di un bel manipolo di valorosi diventa

ZITTO uno spettacolo horror.

E’ CAPSA SERVICE a produrlo, Daria Veronese brava regista, che stimo molto per la sua eleganza, capacità critica e preparazione dirige un bel gruppo, di cui, i suddetti inventori, autori nonché interpreti Mariano Riccio e Giovanni Giudice, il sottoscritto Andrea Alessio Cavarretta in qualità di adattatore del testo, Massimo Sugoni,  acuto creatore anche qui di luci ed importanti effetti e Marco Pupa compositore di note oserei dire epiche!

Tutti noi insieme siamo pronti per raggelarvi il cuore e farvi trepidare, con ZITTO.

Dentro al gruppo anche Rocchina Ceglia, ufficio stampa presente, accorta, infaticabile nel dare notizia di questo nuovo particolare spettacolo.

Ed anche KIROLANDIA corrente culturale, media partner di questa bellissima esperienza,  scesa in campo con il mitico gruppo composto dal sottoscritto Andrea Alessio Cavarretta, con sempre accanto a me Giovanni Palmieri  e poi Marcella SullaFederica Flavoni, Rossella Maffeo, Francesca Del Zio.

KIROLANDIA ha supportato mediaticamente anche l’altro spettacolo prodotto dalla poliedrica Capsa Service presente al Roma Fringe Festival
NON PER VANTARMI AVEVO CAPITO TUTTO, un uomo avanti.

Già andato in scena, sfidando la pioggia, con Massimo Mirani nei panni di Pier Paolo Pasolini, diretto da Daria Verenose autrice insieme a lui dello spettacolo, con le luci e i video di Massimo Sugoni, le musiche originali di Aurelio Rizzuti e con ufficio stampa Rocchina Ceglia.

Non per vantarmi

Qui trovate tutti gli articoli di Kirolandia riguardanti i due spettacoli ZITTO e NON PER VANTARMI AVEVO CAPITO TUTTO.

Mi raccomando, Kiri, amici, parenti, conoscenti, gremite il Palco B

stasera e domani

supportateci con la vostra presenza

abbiamo lavorato per offrirvi qualcosa di nuovo, insolito, emozionante, palpitante!!!

 —-


ZITTO uno spettacolo Horror

Questa sera 19 Giugno 2014 ore 23.30 – Domani sera 20 Giugno 2014 ore 20.30

Roma Fringe Festival  - palco B

Villa Mercede – Via Tiburtina 113-115  - Roma (San Lorenzo)

Produzione Capsa Service

di e con Giovanni Giudice, Mariano Riccio

riadattamento testo Andrea Alessio Cavarretta

Regia Daria Veronese

Musiche originali Marco Pupa

Disegno luci e fonica Massimo Sugoni

Kirolandia media partner

Ufficio stampa Rocchina Ceglia

 

Zitto - Roma Fringe Festival
Zitto pagina facebook 
Capsa Service 
Kirolandia
Evento Facebook

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: