BEATLES SUBMARINE energia e sentimenti con Marcorè e Banda Osiris

Recensione critica dello spettacolo musicale BEATLES SUBMARINE  
di Giorgio Gallione con Neri Marcorè e Banda Osiris 
Marzo-Aprile Duemilaquattordici, Teatro Olimpico – Roma

 

beatles-submarine

Metti su un palco una banda fantasiosa e molto insolita che si diverte con un delizioso e carismatico attore, metti che insieme siano in grado d’accompagnare per mano l’appassionato pubblico attraverso musiche e parole, crea un bello sfondo d’immagini sempre in movimento che rimandano energia e sentimenti e potrai parlare, in modo sorprendente, anche del gruppo di Liverpool più famoso del secolo.

BEATLES SUBMARINE di Giorgio Gallione è uno spettacolo raffinato e coinvolgente, ben costruito in ogni suo elemento dalla musica, all’interpretazione, dalla scenografia, ai costumi sino all’utilizzo sapiente delle proiezioni e delle luci.

Inizia sottovoce, quasi in sordina, strani fantastici animali s’incontrano, poi delicatamente arriva una canzone intonata con la chitarra, qualche accenno d’ensemble e un rocambolesco salto temporale per arrivare a quel giorno in cui nascono i Beatles così la scena è pronta ad aprirsi ad uno scorrere veloce di anni, vicende e canzoni.

L’idea e la sua realizzazione è garbata e raffinata, in una sinusoide di emozioni, il teatro si trasforma tanto in un indefinibile sottomarino quanto in una sorta di locale anni ’60  in cui si fa quasi fatica a rimanere fermi sulle proprie poltrone, un lento, un veloce, c’è spazio per continui cambiamenti, trasformazioni, vaneggiamenti.

Neri Marcorè è bravissimo, riesce ad accarezzare il pubblico con la sua recitazione pulita e poi a catalizzare l’attenzione lungo un particolare percorso di sentimenti sino a trascinarlo con forza nel punto di massima interpretazione dentro un favola black recitata alla perfezione.

La Banda Osiris è geniale, non solo suona e canta benissimo, ma soprattutto si rapporta agli strumenti quasi fossero propaggini corporee, si stenta a credere che gli orchestrali abbiano dei veri apparecchi  musicali, riescono addirittura a suonarsi a vicenda, ad eseguire melodie con qualsiasi oggetto a loro portata di mano.

La scenografia è densa di immagini dai forti rimandi concettuali, ovviamente scarafaggi, ma anche nuvole, colori, rosa, verde, un blu infinito, figure diverse, volti, bocche pronte a baciare a dare amore a tutto il pubblico, metalinguaggi abbondanti, incalzanti tra continui cambi d’abito e sfumature visive.

E come avviene in ogni concerto dal grande successo tra i tanti sogni, i coinvolgimenti e le sensazioni attraversate e riattraversate, la musica si chiude in un forte applauso.

- Andrea Alessio Cavarretta (scrittore metropolitano) -

BEATLES SUBMARINE
Teatro dell’Archivolto
Autore: Giorgio Gallione
Regista: Giorgio Gallione
Interpreti: Neri Marcorè,
La Banda Osiris
(Carlo Macrì, Gianluigi Carlone, Roberto Carlone, Sandro Berti)
Immagini:  Daniela Dal Cin
Video. Francesco Frongia
Costumi: Guido Fiorato
 
BEATLES SUBMARINE è in scena al TEATRO OLIMPICO sino a domenica 13 Aprile 2014

NEL PERDERSI (su Dorian Gray il Musical)

Versi in libertà di Andrea Alessio Cavarretta

dedicati con grande stima ed immenso affetto a Marco Pupa, Claudia E. Scarpa, Andrea Cosentino, Antonello Coggiatti,  Andrea De Majo, Mariano Riccio, Rosario Gualtieri, Antonia Gualtieri, Francesco Pupa, Angelo Gallo, Giovanni Giudice, Giampiero Ingrassia ed Anna Maria Piva.

DORIANGRAY foto di Rossella Maffeo (24)

All’inizio un fermo immagine,

un quadro, un bellissimo giovane, un’anima intrappolata.

 

Antichi drappi di porpora dall’alto distesi.

 

Nel perdersi di paure,

bisbigli ed urla d’amori e d’odi.

 

L’orologio scandisce un fermo.

 

Tra velature ed ombre

un pittore invaghito,

un diavolo quotidiano,

una donna evanescente,

un fratello impazzito…

…un fraseggio, un altro un altro ancora

motivi aperti verso l’interminabile

d’un fiato

d’un respiro imprigionato.

 

E’ tempo,

l’ansia

il cuore batte

la mano protesa.

(fonte d’ispirazione DORIAN GRAY IL MUSICAL 28-29 Marzo 2014 Sala Uno Teatro – Roma)

 La foto a corredo è di Rossella Maffeo (Dorian Gray il musical - Roma)

Nel  BLOG DI COOPERAZIONE di KIROLANDIA CORRENTE CULTURALE trovate la mia recensione sullo spettacolo.

DORIAN GRAY IL MUSICAL un successo

La recensione è parte del progetto DORIAN GRAY IL MUSICAL, Kirolandia osserva (18 Marzo-29 Marzo 2014) Incontro di KIROLANDIA blog di cooperazione dell’omonima corrente culturale con lo staff dello spettacolo “DORIAN GRAY – Il Musical”18 Marzo Jet Lag – 29 Marzo Sala Uno Teatro


L’AMORE E LA FOLLIA all’Olimpico

Se avete bisogno di sorridere e rilassarvi un po’, ancora oggi e domani al teatro Olimpico c’è  Max Tortora in L’AMORE E LA FOLLIA, un one man Show carico di battute e di divertimento.

Nel  BLOG DI COOPERAZIONE di KIROLANDIA CORRENTE CULTURALE trovate la mia recensione.

L’AMORE E LA FOLLIA, Max Tortora con la sua massima statura di bravo attore

“In L’AMORE E LA FOLLIA Max Tortora recita, canta, balla, ironizza, autoironizza, diverte, si diverte,ride, e soprattutto fa tanto ridere.Poco importa se, specialmente all’inizio, si lascia andare a fraseggi, diciamo così, non troppo elevati e se le battute alle volte indugiano troppo in clichè parodistici, lui riesce a dire ogni cosa al momento giusto.Prima scalda il pubblico, lo afferra dal palco con tutto se stesso, voce, corpo, movimento, carisma, poi rimanendo ben saldo nella scena che mai si svuota perché lui la domina con potenza, dalla sua massima statura di bravo attore comico, riesce quasi a sedersi tra gli spettatori senza mai scendere in capacità.”

Continua su Kirolandia

L’AMORE E LA FOLLIA è in scena al TEATRO OLIMPICO sino al 30 Marzo 2014

 


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: